Premi, nomine e sondaggi all’Assemblea cantonale di GastroTicino




Premi, riconoscimenti, nuovi membri del Consiglio d’amministrazione, sondaggi e relazioni di personalità dell’economia e della politica. Questo il menu servito lunedì 6 maggio da Gastroticino, durante la 115esima Assemblea cantonale dei delegati, svoltasti all’Hotel Belvedere di Locarno.
All’assemblea hanno preso la parola Gabriele Beltrami direttore di GastroTicino, Alain Scherrer sindaco di Locarno, Massimo Suter presidente cantonale di GastroTicino e vicepresidente svizzero di GastroSuisse, André Roduit del Consiglio di GastroSuisse, Glauco Martinetti presidente della Camera di commercio industria artigianato e servizi del Cantone Ticino, il Consigliere nazionale Fabio Regazzi e il Consigliere agli Stati Filippo Lombardi.
Dopo il saluto del presidente di GastroLagoMaggiore e Valli, Nunzio Longhitano (nominato vicepresidente cantonale), ha preso la parola Gabriele Beltrami che ha ricordato come GastroTicino sia sempre più vicina ai soci, grazie a servizi importanti e che fanno risparmiare tempo e denaro, aiutandoli nel loro lavoro di tutti i giorni. E ha citato il Segretariato, l’Ufficio Giuridico, l’Ufficio per la formazione professionale e l’Ufficio Stampa & PR. Si è quindi soffermo proprio sull’Ufficio Giuridico, affidato all’avvocato Marco Garbani, e la sua importanza per i soci.

L’IMPORTANZA DI RISPETTARE LE LEGGI
“Le leggi e i regolamenti, infatti, diventano sempre più complicati ed è utile informarsi in caso di dubbi. Anche perché la nostra categoria - ha detto Beltrami - è sottoposta a molti controlli, per cui tenersi aggiornati è fondamentale, così come molto importante è rispettare le varie leggi, evitando conseguenze che in certi casi possono essere gravi e portare pure alla chiusura del locale o ad altri severi provvedimenti. Rispettare le leggi non solo è un’occasione per migliorare il proprio lavoro, ma è un atto dovuto rispetto a tutti gli altri colleghi. Voglio dire che non rispettando una norma, per esempio in tema di igiene, polizia, lavoro nero o abusi salariali, non solo si corrono rischi amministrativi, civili e penali, ma si mette in cattiva luce l’intera categoria nei confronti dei clienti, dei media e delle autorità”. Sempre in tema giuridico, l’Avv. Garbani ha approfondito diversi temi, come quelli dei contratti, e ha invitato gli addetti ai lavori a leggere i “GastroDiritti” sulla pagina Facebook e sul GastroJournal: proprio in questi giorni è stato pubblicato il numero 800!
Il giornalista Alessandro Pesce, responsabile dell’Ufficio stampa della Federazione esercenti albergatori e dei progetti Ticino a Tavola e Fatto in casa ha presentato le due iniziative di GastroTicino che crescono e che incontrano sempre più il favore del pubblico e degli esercenti. A testimoniarlo un approfondito sondaggio, pubblicato da GastroSuisse e consultabile tra pochi giorni sul sito ticinoatavola.ch.

NOMINE E PREMI
Prima degli altri interventi sono stati premiati i due membri di CdA che hanno lasciato: Claudio Panzeri di GastroMendrisiotto che ha lasciato il posto a Luca Serra, e Daniele Meni presidente di GastroLugano che ha passato il testimone a Michele Unternährer. Un saluto anche a Mattia Manzocchi che ha lasciato di recente la presidenza di GastroBellinzona Alto Ticino nelle mani di Luca Merlo, ma che era già stato premiato all’assemblea del 2018.
Dopo i complimenti Fabio Domeniconi, che lascia il suo posto di docente di igiene alla Scuola esercenti di GastroTicino, spazio alla prima edizione del “Premio GastroTicino”. Un premio istituito per ringraziare una persona che si è distinta nella sua attività a favore di GastroTicino, o del settore, o della professione in generale. Premiato è stato Waldis Ratti, già presidente dell’allora sottosezione del Gambarogno, che ha raggiunto i 40 anni come esercente e, invece di “riposarsi”, ha deciso di riaprire il suo Ristorante Rodolfo a Vira Gambarogno, gestendo allo stesso tempo anche l’Hotel Ristorante Des Alpes a Dalpe.

SENSIBILITÀ AMBIENTALE E POSTI VACANTI
Da parte sua il presidente Massimo Suter ha annunciato che “da un paio di mesi stiamo verificando assieme al Dipartimento del territorio un futuro progetto di collaborazione in relazione alla sostenibilità a 360 gradi nella ristorazione!” Si tratta di microplastiche, food-waste, valorizzazione dei prodotti locali e altro ancora.  Il presidente ha poi insistito sull’importanza della formazione professionale; formazione anche al centro della presentazione da parte della responsabile di settore, Valentina de Sena, che ha presentato il nuovo portale gastroformazione.ch. Altro argomento importante toccato da Massimo Suter, il fatto che nel 2018 pur aumentando i clienti (+2,4%), è diminuito il fatturato dei ristoranti (-3%); occorre quindi agire sulla diminuzione dei costi (personale, merce, affitto), cercando di aumentare la cifra d’affari (concetto chiaro del ristorante, offerta cibi mirata, ambiente piacevole, personale istruito, rinnovamento costante e investimenti mirati).
Applaudito anche l’intervento di André Roduit. Il rappresentante del Consiglio di GastroSuisse ha parlato di svariati temi per i quali la federazione nazionale si è battuta e si batterà a favore dei soci. Sull’obbligo di segnalare i “posti vacanti” un sondaggio dimostra come la maggior parte degli hotel e dei ristoranti sono moderatamente o per niente soddisfatti della sua attuazione e GastroSuisse sta lavorando per giungere a un miglioramento della normativa da parte delle autorità politiche. Sull’argomento si è soffermato anche Mattia Manzocchi, direttore del progetto GastroSOS che mira alla formazione e ricollocamento dei disoccupati della ristorazione e albergheria in Ticino.

Dopo aver invitato a votare sì il 19 maggio alle iniziative sulla modifica della legge sulle armi e a quella per la riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS, ha poi ricordato che già da tempo si effettua un lavoro preparatorio per sostenere alle elezioni i politici che sono a favore del nostro settore. Per curiosità, nella classifica dei politici federali che hanno votato maggiormente a favore del settore turistico, alberghiero e della ristorazione nell’ultima legislatura, al primo posto tra i gruppi parlamentari c’è il PPD, seguito dal PBD (Partito Borghese Democratico) e al terzo dal PLR e dall’UDC. A livello individuale, si sono distinti i ticinesi Fabio Regazzi (PPD) e Marco Chiesa (UDC).

Il sindaco Scherrer, Glauco Martinetti, Fabio Regazzi, Giovanni Merlini e Filippo Lombardi, hanno parlato di moti argomenti; tra questi il ruolo importante per l’economia che ha la ristorazione, l’importanza di GastroTicino per la formazione e l’aiuto ai soci, il peso della burocrazia che grava sul settore, la necessità che la cultura dell’accoglienza sia trasversale e non appartenga solo ai ristoratori.

  
Posti vacanti
Videosorveglianza
Bancadati
SSSAT
Legge prostituzione
Too Good To Go
Mangiami APP
Acqua Ticino a Tavola per i soci
Crostacei
IVA: modifiche 2018
Concorso per i migliori maestri di tirocinio
Salari minimi
Nuovo Marchio Ticino
Nuovi presidenti Sezioni
Finti malesseri al ristorante
Assemblea cantonale
Lavoro nero
Truffe
Prezzi Equi
Posti vacanti 2020
Contratti collettivi nazionali
 
 
 
 
GastroTicino
via Gemmo 11
6900 Lugano
T 0041 91 961 83 11
F 0041 91 961 83 25
info@gastroticino.ch
lunedì-venerdì
08.00-12.00 / 13.00-15.00
GastroTicino 2014
Legal Disclaimer - Credits