CASTAGNAMO - LA VALORIZZAZIONE DELLE CASTAGNE TICINESI

“Raccogliere le castagne significa indirettamente valorizzare le selve castanili e rafforzare la cultura del castagno: è un progetto di società!”


Si è tenuta la conferenza per la “Valorizzazione del Castagno Ticinese” dove autorevoli relatori hanno testimoniato l'importanza di un frutto che caratterizza da sempre il nostro territorio, per ragioni naturalistiche, culturali e sociali. La castagna ticinese entra di diritto in quel paniere di prodotti locali in grado di essere la base per prodotti di eccellenza e caratteristici, sempre più richiesti ed apprezzati dal mercato, oggi più che mai sensibile anche ad aspetti legati all'ecosostenibilità.

La conferenza stampa ha visto protagonisti gli esponenti più importanti della filiera legata alla coltivazione, alla raccolta e alla commercializzazione di questo nostro straordinario frutto. L’Ing. Marco Conedera, dell’Istituto Federale di Ricerca (WSL) di Cadenazzo ha spiegato l’origine e i danni che il Cinipide galligeno del castagno ha generato nelle nostre selve castanifere già dal 2009. Dal 2014, con l’arrivo di un suo antagonista naturale, la situazione è decisamente migliorata e già dallo scorso anno la produzione di castagne ha avuto un significativo miglioramento. Le aspettative per la stagione in arrivo sono confermate essere molto buone.

Per l’Associazione dei Castanicoltori della Svizzera italiana, l’Ing. Giorgio Moretti ha sottolineato l’importante lavoro svolto per cercare di mantenere le selve castanifere in condizioni ottimali per garantire la qualità nella produzione dei frutti e soddisfare cosi le crescenti richieste di castagne per i più svariati usi, riportando questo frutto così caratteristico delle nostre regioni e della nostra storia, in primo piano e capace ancora di sorprendere.

L’intervento di Pierre Coulin, responsabile per Hochstamm Suisse (l’organizzazione che certifica la qualità dei frutti provenienti da alberti ad alto fusto) ha spiegato i fondamentali della sua organizzazione, come la salvaguardia della biodiversità e la valorizzazione delle coltivazioni e ha posto l’attenzione sulle caratteristiche che rendono eccezionali le castagne ticinesi e come questo marchio di garanzia permetterà ancor maggiormente di raccogliere i frutti da trasformare in eccellenti prodotti che vengono, in Svizzera, commercializzati in maniera particolare attraverso la distribuzione offerta da Coop.

Paolo Bassetti è il responsabile dei Centri di Raccolta del Canton Ticino e ha illustrato le modalità di raccolta e consegna, l’ubicazone e gli orari d’apertura dei centri. Ha inoltre sottolineato come la castagna sia un frutto da valorizzare e promuove una nuova strategia finalizzata ad una raccolta centralizzata e organizzata dei frutti nei boschi. Questo oggi non avviene in modo automatico, infatti la raccolta è prevalentemente demandata alle famiglie e ai privati più in generale. Da questa situazione il forte invito ad “andar per castagne” per permettere un aumento significativo dei quantitativi raccolti e consegnati ai centri di raccolta.

La direttrice di Sandro Vanini SA, azienda leader nel settore, con sede a Rivera, ha spiegato il passaggio che subisce le castagne una volta che giungono dai centri raccolta. Una capacità di trasformazione molto strutturata e un ciclo completo per permettere di mantenere in azienda praticamente tutta la produzione di insuperabili puree di castagne che sono alla base dei gustosissimi “Vermicelles”, che fanno la gioia di grandi e piccini.

Per l’occasione Sandro Vanini SA ha presentato l’ultimo suo prodotto, fresco di lancio sul mercato, i “Vermicelles” ottenuti esclusivamente da materie prime autoctone e garantite. Una proposta d’eccellenza per qualità e gusto che tutti i presenti hanno avuto modo di scoprire durante il dessert che ha concluso un buffet di ottimi prodotti ticinesi.

La conferenza si è chiusa con un intervento molto apprezzato di Sebastiano Gaffuri - Grancosigliere, sindaco di Breggia e Direttore d’azienda forestale – che ha portato a testimonianza la presenza nella Valle di Muggio di belle e vigorose selve castanifere e come le iniziative di sostegno e di valorizzazione di questo testimone del nostro Cantone, sono importanti e da sostenere.

Foto, da sinistra prima fila: Giorgio Moretti, Sebastiano Gaffuri, Beatrice Fasana, Pierr Coulin. In seconda fila, da sinistra: Paolo Bassetti e Marco Conedera.

Cadenazzo, 3 settembre 2018

  
Posti vacanti
Videosorveglianza
Bancadati
SSSAT
Acqua Ticino a Tavola per i soci
Réservé
Crostacei
IVA: modifiche 2018
Concorso per i migliori maestri di tirocinio
Salari minimi
Nuovo Marchio Ticino
Castagnamo
A scuola di energia!
 
 
 
 
GastroTicino
via Gemmo 11
6900 Lugano
T 0041 91 961 83 11
F 0041 91 961 83 25
info@gastroticino.ch
lunedì-venerdì
08.00-12.00 / 13.00-15.00
GastroTicino 2014
Legal Disclaimer - Credits