Prezzi Equi?
Raccola firme




GastroTicino invita soci e cittadini a sostenere l'iniziativa popolare "Stop all'isola dei prezzi elevati"

La Svizzera è da molto tempo un’isola dei prezzi elevati. La responsabilità di questa situazione è imputabile, tra gli altri, ai fornitori esteri che abusano della loro posizione dominante sul mercato e impongono prezzi eccessivi. Di conseguenza, per gli stessi prodotti d’importazione le imprese, le aziende agricole e i consumatori svizzeri devono pagare un prezzo significativamente superiore rispetto a quello praticato nei Paesi confinanti: per certi articoli anche fino al 70%! Con l’iniziativa popolare federale "Stop all’isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (iniziativa per prezzi equi)" in futuro si potrà impedire alle imprese che dominano il mercato di applicare supplementi abusivi dei prezzi nel nostro Paese, i cosiddetti "supplementi Svizzera". L’iniziativa popolare, presentata negli scorsi giorni, è ampiamente sostenuta da associazioni e parlamentari di ogni colore politico, compresa GastroSuisse.

I costi più elevati per salari, infrastrutture o affitti hanno solo un ruolo marginale nella maggiorazione dei prezzi in Svizzera. I fornitori esteri approfittano della loro posizione dominante sul mercato, mantengono artificialmente elevati i prezzi in Svizzera e sfruttano in modo mirato il potere d’acquisto. Non è accettabile che l’economia elvetica, che vende all’esportazione oltre il 60% della produzione a prezzi concorrenziali o fa affari con clienti stranieri sul territorio nazionale (turismo), debba continuare a pagare prezzi esagerati per i beni all’importazione. A farne le spese sono soprattutto le piccole e medie imprese (PMI), le aziende agricole, le istituzioni statali quali ad esempio università, ospedali, comuni, cantoni e la Confederazione così come i consumatori.

L'iniziativa in breve
L’iniziativa per prezzi equi consente misure statali quando imprese con una posizione di dominio relativo sul mercato obbligano i clienti svizzeri da esse dipendenti ad acquistare da loro i beni in Svizzera a prezzi eccessivi. Con l’iniziativa per prezzi equi è possibile abolire questo obbligo d’acquisto effettivo in Svizzera. In futuro le imprese potranno acquistare liberamente i beni anche all’estero, senza subire discriminazioni, ai prezzi praticati dai fornitori nel rispettivo Paese.
Per la Svizzera i prezzi equi presentano un triplice vantaggio. In primo luogo, le imprese elvetiche dovranno pagare prezzi meno elevati per i beni d’importazione come macchinari o apparecchiature e potranno così incrementare la loro concorrenzialità e assicurare posti di lavoro. In secondo luogo, se i prezzi dei prodotti d’importazione sono più bassi, ai richiedenti rimarranno più soldi nel portafoglio e il loro potere d’acquisto aumenterà. In terzo luogo i consumatori torneranno a fare acquisti in Svizzera invece che nei Paesi confinanti.

GastroTicino al fronte!
La raccolta delle 100.000 firme necessarie è iniziata il 20 settembre e durerà al massimo fino al 20 marzo 2018. GastroTicino invita gli esercenti a impegnarsi nella raccolta firme. Perché? Il presidente Massimo Suter: "Con il lancio di questa iniziativa GastroSuisse e i suoi partner gettano le basi affinché non vi siano più discriminazioni all'acquisto di beni di consumo. GastroTicino ha creduto fin da subito nel progetto aderendo al Comitato di sostegno convinta che aumentando il potere di acquisto dei cittadini, rendendo meno attrattivo il turismo degli acquisti e favorendo il mercato interno, si possano adottare misure concrete per contrastare il rincaro dovuto alla parificazione franco-euro. Senza dimenticare che le nostre aziende potranno acquistare macchinari ed infrastrutture con un notevole risparmio in termini economici". Il testo dell’iniziativa, i membri del comitato, le associazioni aderenti e molte altre informazioni sono disponibili su www.prezzi-equi.ch, dove si possono scaricare anche i fogli per la raccolta delle firme.

> Comunicato stampa Prezzi Equi
> Istruzioni Prezzi Equi
> Sì a Prezzi Equi
> Firma per Prezzi Equi

  
SSSAT diplomati 2017
Allergie: le novità!
Prezzi Equi
Daneil Borner
Assemblea delegati GastroTicino
Strategia energetica: NO
Locali aperti sino alle 02.00
Buona partenza per Ticino Ticket
Acqua Ticino a Tavola per i soci
La BNS abolisce la soglia minima!
Piattaforme prenotazione alberghiera: novità
Réservé
Uova svizzere al sicuro
Diffida al cliente
Ticino Ticket
Sondaggio online GastroSuisse
 
 
 
 
GastroTicino
via Gemmo 11
6900 Lugano
T 0041 91 961 83 11
F 0041 91 961 83 25
info@gastroticino.ch
lunedì-venerdì
08.00-12.00 / 13.00-15.00
GastroTicino 2014
Legal Disclaimer - Credits